Cortometraggio realizzato nell’ambito del progetto
 
Sul confine che divide i vivi dai morti, madre e figlia si separano, costrette dai dettami di una legge immutabile. Tra di loro l’abisso della violenza che ha trasfigurato Kore in Persefone, oscura e triplice negazione di sé.  Su di loro lo sguardo silenzioso di chi lavora la terra, e si prepara ad un nuovo inverno, nella speranza che non lasci tracce indelebili.
 
 “Tre volte sui cardini funestamente stridettero le porte;
tre volte gridò lugubre con tremendo rimbombo l’Etna conscio del Fato. 
Ma da nessun segno ella è trattenuta, da nessun prodigio.”
(Claudiano)
 
Selezionato da